LIBERTÀ E PLURALISMO DEI MEDIA. LA CORTE DI GIUSTIZIA SI PRONUNCIA SUL DIVIETO FATTO A UN’IMPRESA DI RAGGIUNGERE UNA “RILEVANTE DIMENSIONE ECONOMICA” IN UN ALTRO SETTORE

marketude Contenzioso, Diritto europeo e della concorrenza, IT e TMT, Marco Stillo, Pubblicazioni, Roberto A. Jacchia

In data 3 settembre 2020, la Corte di Giustizia dell’Unione Europea si è pronunciata nella Causa C-719/18, Vivendi SA contro Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, sull’interpretazione degli articoli 49, 56 e 63 del Trattato sul funzionamento dell’Unione Europea (TFUE) nonché degli articoli 15 e 16 della Direttiva 2002/21/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 7 marzo 2002, che istituisce un quadro normativo comune per le reti ed i servizi di comunicazione elettronica, come modificata dalla direttiva 2009/140/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 25 novembre 2009…

Scarica l’articolo